I giudici della Corte Suprema (VIII)

Il 6 febbraio scorso il giudice Masahiko Sudo del Secondo collegio è andato in pensione, ed è stato sostituito dall’avvocato Kaoru Onimaru.
Si tratta della quinta donna che viene a far parte della Corte Suprema giapponese, e porta a 3 il numero di donne tra i giudici in carica attualmente. Con la sua nomina, in ciascuno dei tre collegi ristretti (formati ricordiamo da cinque giudici) è ora presente un giudice donna.
Originaria di Tokyo, laureata in giurisprudenza all’università di Tokyo, avvocato dal 1975, madre di tre figli: due maschi e una femmina, quest’ultima nominata giudice tre anni fa.
Il suo cognome e la sua attitudine combattiva in udienza sono spesso oggetto di battute dei colleghi: il primo carattere “Oni” significa infatti demone.
Seguono le notizie tratte dalla (scarna) presentazione ufficiale, presente sul sito della Corte Suprema.

Kaoru Onimaru ( 鬼丸 かおる )

Nata il 7 febbraio 1949, laureata presso l’Università di Tokyo, Facoltà di Giurisprudenza nel 1973. Passa nello stesso anno l’esame di ammissione alle professioni forensi, e dopo i due anni di pratica si iscrive all’Ordine degli avvocati di Yamagata. Nel 1978 trasferisce l’iscrizione all’Ordine degli avvocati di Tokyo.
Attiva dagli anni 1990 come membro di commissioni della Federazione giapponese degli ordini degli avvocati in materia di parità uomo-donna, educazione giuridica, anziani e disabili, dal 2006 Presidente della Commissione speciale sui diritti degli anziani e dei disabili dell’Ordine degli avvocati di Tokyo.

I suoi propositi come giudice: essere un difensore della Costituzione, avvicinarsi ad ogni caso con imparzialità, giudicare con delicatezza ( 丁寧な判断をする ).

Detti preferiti:
「柔よく剛を制す」 (che qui si dice essere una versione scorretta di 柔能く剛を制す ), cioè grosso modo “Il flessibile spesso domina il forte”.
「ローマは一日にしてならず」che è la versione giapponese di “Rome wasn’t built in a day“, Roma non fu fatta in un giorno.

Libri preferiti: anche lei cita la serie ローマ人の物語 , “Storie dei romani” (15 volumi rilegati, o 43 in versione economica tascabile) di Nanami Shiono.

Hobbies: yoga, pilates.

(puntata precedente)                                                                                               (continua)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Professioni forensi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I giudici della Corte Suprema (VIII)

  1. Pingback: I giudici della Corte Suprema (IX) | il diritto c'è, ma non si vede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...