I giapponesi che fanno causa (XIX)

42. Vestiti da coniglietta

Una signora 60enne lavora per Kanebo, società che vende cosmetici, detersivi etc. La donna non raggiunge gli obiettivi di fatturato. La direzione le dice di vestirsi da coniglietta (o da maga, secondo un’altra fonte) e presenziare così agli incontri di orientamento dei nuovi assunti.
La donna cita in giudizio la società, e ottiene in primo grado ¥220.000 (al cambio odierno, circa €1.700) come risarcimento per il danno morale.
La donna ricorre in appello all’Alta Corte di Fukuoka, perché ritiene la somma non sufficiente.
Le parti hanno trovato un accordo extra-giudiziale, per una somma che non è stata resa pubblica, scuse e promesse da parte di Kanebo che questi incidenti non si verificheranno più.

43. Genitori contro asilo

I genitori di un bambino annegato nel 2012 durante una gita con l’asilo nella provincia di Ehime, dopo aver sollecitato l’azione penale, faranno causa civile all’asilo.

(puntata precedente)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Danni e risarcimenti, Obbligazioni e contratti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a I giapponesi che fanno causa (XIX)

  1. Pingback: I giapponesi che fanno causa (XX – Kan contro Abe) | il diritto c'è, ma non si vede

  2. Pingback: I giapponesi che fanno causa (XXI) | il diritto c'è, ma non si vede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...