Google Street View: una pronuncia in Giappone

Una 20enne di Fukuoka ha perso anche in appello la causa che aveva presentato contro Google Japan.

La controversia sorse quando la signorina si accorse che la modalità “Street View” del servizio Google Maps raffigurava la sua casa e le sue mutandine appese ad asciugare sul balcone.
Ritenne che questa fosse una violazione della sua privacy, e chiese a Google Japan un risarcimento di 600.000 jpy (circa 6.000 eur) come 慰謝料 (“isharyo“: grosso modo, danni morali) per il peggioramento delle sue condizioni psicologiche dopo la scoperta.
Già in primo grado il Tribunale distrettuale di Fukuoka aveva rigettato le richieste della parte attrice.

Il 13 luglio l’Alta Corte di Fukuoka (pres. Motoaki (?) Kimura, 木村 元昭 ) ha confermato la sentenza di primo grado. La sentenza non è ancora disponibile online, ma fonti giornalistiche citano alcuni passi dalla motivazione:

「下着を干していることまではわからず、表札や看板など個人名などがわかるものも映っていない(…)ベランダに焦点を当てて撮影、公開しておらず、私生活の平穏が侵害されたとは認められない」

Non si capisce che sia stesa della biancheria intima, e non è stata fotografata la targhetta da cui si possa risalire al nome (…) la foto non è stata scattata e pubblicata mettendo a fuoco il balcone e non possiamo accogliere la tesi secondo cui vi sia stata una violazione della tranquillità della vita privata (= privacy)

Secondo gli avvocati della donna, si tratta della prima causa presentata in Giappone contro Google in relazione al servizio Street View.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Danni e risarcimenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Google Street View: una pronuncia in Giappone

  1. sirdic ha detto:

    Temo che le sue condizioni psicologiche fossero molto gravi già da prima di peggiorare…
    Mi dispiace che la povera ragazza, se vuole i soldini, dovrà andare a lavorare come tutti…

  2. samsa ha detto:

    interessante. ma è una delle tante esagerazioni che si sentono spesso in giappone!

  3. Italicus ha detto:

    Effettivamente è un documento di dominio pubblico. Un bel paio di mutandine messe ad asciugare al vento potrebbe ingenerare idee malsane. Non so se sia il caso di dare un premio a questa ragazza per aver avuto il coraggio di fare rimostranze. O se sia da chiedersi di domandarle il perché di tanta reazione visto che le mutandine ce le ha messe lei,deduco.
    Indubbiamente queste novità tecnologiche mettono a nudo i poliedrici aspetti della natura umana,e forse amplificano la capacità di spremersi le meningi alla ricerca delle strategie per la sopravvivenza. O tutti e due.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...