Aggiornamenti flash

  1. Un uomo perde una causa in materia ereditaria. Il Tribunale di Yokohama gli ordina di pagare ¥ 11M (circa € 100k). L’uomo dà mandato ad un avvocato dell’Ordine di Yokohama di proporre appello. L’avvocato si dimentica, e la sentenza passa in giudicato.
    L’uomo ha chiesto all’Ordine degli avvocati di Yokohama di sanzionare l’avvocato sbadato. Secondo quanto dichiarato, l’avvocato aveva promesso che avrebbe venduto un immobile a Kamakura e versato all’uomo metà degli 11 milioni di cui si trattava nel giudizio, ma finora ha versato solo un milione.
  2. Tatsuya Ichihashi nel 2007 invitò a casa sua Lindsay Ann Hawker, insegnante di inglese. La violentò, la uccise, la seppellì nella vasca di casa, e poi si diede alla macchia. Fu arrestato nel novembre 2009 a Osaka. In primo grado i genitori di Lindsay parteciparono al processo, chiedendo che Ichihashi fosse condannato a morte. Il Tribunale dichiarò Ichihashi colpevole, e lo punì con l’ergastolo.
    L’Alta Corte di Tokyo ha confermato la condanna di primo grado.
    In ogni caso, come ricorda l’Asahi, dopo aver scontato dieci anni di pena Ichihashi potrà chiedere la liberazione condizionale.
  3. Kanae Kijima ( 木嶋 佳苗 ), 37 anni, accusata di aver ucciso 3 partner (80, 50 e 41 anni) tra il febbraio e l’agosto 2009, per poter continuare a vivere il suo stile di vita spendaccione, è stata condannata a morte dal Tribunale di Saitama. L’accusa ha sostenuto che la donna ha simulato (male) i suicidi degli uomini. La difesa sostiene che non vi sono prove solide a sostegno della tesi dell’accusa.
    Si tratta del processo con saiban’in finora durato più a lungo: 100 giorni.
  4. Il modo di fare acquisti on-line cliccando su “Compra”. Rivoluzionario.
    Talmente rivoluzionario che nel 1999 Amazon ottenne il brevetto negli USA.
    La società americana provò a proteggere questo modo assolutamente innovativo di interagire con la macchina anche in Europa ed in Giappone. In Europa la domanda non fu accolta.
    In Giappone Amazon presentò domanda nel 1998, e nel marzo 2012 ha ottenuto il brevetto sulla tecnologia 1-click. Il brevetto sarà valido fino a settembre 2018. 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Danni e risarcimenti, Diritto e procedura penale, Professioni forensi, Proprietà intellettuale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...