Takanori Eto contro Stato, oggetto: la centrale di Fukushima-1

Il mio amico Takanori Eto sta cercando di convincere il Tribunale distrettuale di Tokyo a dichiarare la nullità dell’autorizzazione alla costruzione della centrale di Fukushima-1.
Sì, proprio quella esplosa nel marzo scorso.

Il processo di Takanori Eto contro lo Stato giapponese si inserisce in un filone ideale di cause con valenza politica, che parte dalle cause per la malattia di Minamata e arriva fino ai recenti risarcimenti per i contagi da epatite.
Esso tuttavia presenta alcune caratteristiche particolari: innanzitutto il fatto che non sia un processo di massa, ma sia stato iniziato da una persona sola, priva di un’organizzazione o di una comunità alle spalle.
Inoltre, l’utilità pratica della causa è minima, visto che la centrale non rientrerà mai più in funzione e sarà smantellata appena possibile, cioè nel giro di 30-40 anni, se basteranno.

Il significato simbolico e giuridico è però rilevante.
Il governo è infatti costretto a presentare e rendere pubblici documenti che altrimenti rimarrebbero secretati nei cassetti; inoltre, se la corte dovesse sposare alcune tra le tesi della parte attrice, la sentenza potrebbe avere un valore persuasivo nelle altre cause in corso contro le centrali nucleari.
Riguardo a questo primo punto, scrive Eto nel suo blog che il governo potrebbe aver presentato una versione “ritoccata” del rapporto sull’ipotesi di massimo pericolo elaborata il 25 marzo dal Presidente della Commissione giapponese per l’energia atomica Shunsuke Kondo.
La prossima udienza, il 29 febraio, sarà a porte chiuse.

Vi è poi un’altro punto interessante di cui parlare, e riguarda le dinamiche processuali e chi rappresenta le parti in giudizio.
Eto si rappresenta da solo. In Giappone, in tutti i gradi di giudizio, nelle cause civili, non è obbligatorio conferire mandato ad un avvocato che rappresenti la parte in giudizio.
I costi di Eto per questa causa si limitano dunque al bollo di registrazione della causa, che se non ricordo male è di 13.000 jpy.

Il governo giapponese è rappresentato da un collegio difensivo di 12 (dodici) avvocati, guidati dall’avvocato Hiroyuki Kondo ( ? 近藤 裕之 ). Quando andai ad assistere ad un’udienza al Tribunale di Tokyo, vidi scene involontariamente comiche perché, in aula tra i banchi degli avvocati, non vi erano sedie sufficienti per tutti.
Ad ogni modo, dicevamo: l’avv. Kondo non è sempre stato avvocato, ma come vedete dal link precedente, ha iniziato la sua carriera nel 1994 come giudice. Ora sta sfruttando il programma che, al fine di arricchire il corpo giudicante di esperienze diverse, permette ai giudici di lavorare come PM o avvocati per un periodo determinato. Kondo a quanto pare ha lavorato prima come PM, ma ora è evidentemente impegnato come avvocato al servizio dello Stato. Come anche altri due membri del collegio difensivo del convenuto. In seguito, con tutta probabilità, tornerà ad essere un collega del giudice Hiroshi Kawakami ( 川神 裕 ), Presidente del collegio giudicante.

A una prima veloce occhiata, non mi pare che i due abbiano lavorato contemporaneamente negli stessi tribunali. Almeno fino a quest’anno, quando sedevano insieme nella Commissione di valutazione degli esami per le professioni legali, che ha bocciato il giovane Eto, al suo terzo tentativo, ed ultimo permesso dalla legge sulle cd. Law School.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diritto amministrativo, Professioni forensi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...