Un’assoluzione una volta tanto

Il 25 aprile 2005 un treno espresso della linea JR Takarazuka/Fukuchiyama deragliò prima della stazione di Amagasaki, nei pressi di Osaka. Morirono 107 persone, tra cui il conducente, e 562 rimasero ferite.
La dinamica dell’incidente fu chiarita nei giorni successivi: per via di errori umani alle fermate precedenti, il treno era in ritardo. Per recuperare il tempo perduto il conducente aveva lanciato il convoglio a velocità ben superiori a quelle che il tracciato consentiva. Il treno arrivò ad una curva troppo stretta per la velocità di entrata, le carrozze deragliarono e si andarono ad accartocciare nel garage ed in un appartamento al piano terra di un edificio adiacente ai binari.

La curva non era stata sempre così. Nel 1996 il raggio della curva era stato ridotto da 600 a 304 metri. Masao Yamazaki ( 山崎 正夫 ) all’epoca era il responsabile della Commissione sicurezza del gestore della linea JR 西日本 (West Japan Railway Company), ma non aveva ritenuto che la variazione del tracciato rendesse necessaria l’installazione di dispositivi di sicurezza per prevenire il superamento dei limiti di velocità e arrestare il treno in maniera automatica in caso di pericolo.

Nel luglio 2009 Masao Yamazaki fu rinviato a giudizio per il reato di cui all’art. 211 del Codice penale giapponese:

(業務上過失致死傷等)
(Morte o ferite causate da colpa nell’esercizio di attività professionale)

第二百十一条 業務上必要な注意を怠り、よって人を死傷させた者は、五年以下の懲役 又は百万円以下の罰金に処する。重大な過失により人を死傷させた者も、同様とする。
Articolo 211 (1) Una persona che non presta la dovuta attenzione nell’ambito di un’attività professionale e causa la morte o il ferimento di un’altra persona è punita con la reclusione con o senza lavoro fino a 5 anni e una multa fino a 1.000.000 jpy. La stessa pena è prevista per chi causi la morte o il ferimento di un’altra persona per colpa grave.

Curiosamente, la pena richiesta dal PM era analoga al massimo edittale per il reato di messa a repentaglio colposa dei mezzi di trasporto, cioè 3 anni di reclusione senza lavoro:

過失往来危険)
( Messa a repentaglio colposa dei mezzi di trasporto )

第百二十九条 過失により、汽車、電車若しくは艦船の往来の危険を生じさせ、又は汽 車若しくは電車を転覆させ、若しくは破壊し、若しくは艦船を転覆させ、沈没させ、 若しくは破壊した者は、三十万円以下の罰金に処する。
Articolo 129 (1) Una persona che per colpa mette a repentaglio il passaggio di un treno, di un tram o di una nave, o fa capovolgere o distrugge un treno o un tram, o fa capovolgere, affonda o distrugge una nave, è punita con una multa fino a 300.000 jpy.

2 その業務に従事する者が前項の罪を犯したときは、三年以下の禁錮又は五十万円以 下の罰金に処する。
(2) Una persona che commette il reato descritto nel comma precedente nell’ambito di un’attività professionale è punita con la reclusione senza lavoro fino a 3 anni o con una multa fino a 500.000 jpy.

Il processo era iniziato nel dicembre 2010 ed il giudizio è arrivato dopo 27 udienze.
La mattina dell’11 gennaio il Presidente del Tribunale di Kobe, Makoto Okada ( 岡田信 ) ha dichiarato l’imputato non colpevole. Secondo la sentenza, non era possibile prevedere l’incidente.

È probabile che questo giudizio possa influenzare i procedimenti nei confronti dei tre soggetti che hanno ricoperto la carica di presidente di JR West nei 9 anni intercorsi tra i lavori alla curva e l’incidente.
I processi inizieranno a breve. La particolarità di questi procedimenti è che i rinvii a giudizio non sono stati richiesti dai PM, ma sono stati decisi e le indagini portate avanti sulla base di pareri vincolanti della riformata Commissione di controllo sulle investigazioni ( 検察審査会 Kensatsu Shinsa Kai).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diritto e procedura penale e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Un’assoluzione una volta tanto

  1. albino ha detto:

    Effettivamente in questo caso non e’ che si possa parlare di negligenza nei confronti di JR-west; sarebbe come condannare Toyota o Honda per ogni auto da loro prodotta che causa un incidente se sprovvista di ABS.
    In termini ferroviari il macchinista e’ responsabile di controllare i limiti di velocita’. L’ATC o ATS o ATP sono installati per agire in caso di emergenza, per esempio se il macchinista viene colpito da attacco di cuore e muore mentre e’ alla guida.
    La negligenza di JR sarebbe venuta fuori nel caso in cui il macchinista avesse perso conoscenza mentre era alla guida, ma in questo caso e’ giusta l’assoluzione a mio avviso. (poi da quel che ne sapevo io, la colpa di JR e’ stata un’altra, molto piu’ grave se vogliamo: aver creato un orario troppo ottimistico, e soprattutto l’aver legato i bonus dei macchinisti al numero di ritardi, cosa che li spingeva a violare i limiti di velocita’. Questa almeno e’ la spiegazione degli addetti ai lavori).

  2. Pingback: Aggiornamenti flash | il diritto c'è, ma non si vede

  3. Alessandro Gomiero ha detto:

    Salvo poi scoprire che il macchinista è stato sottoposto ad una “rieducazione forzata” invece di essere mandato ad un corso di aggiornamento per aver avuto un lieve ritardo. Leggetevi entrambe la descrizione di questi “corsi” e fatevi un giro nei nostri codici penali per quanto riguarda tecniche di mobbing e le loro conseguenze. A proposito: voi quanto sareste lucidi se qualcuno vi manda in una specie di “Lager nazista” dove venite umiliati e aggrediti verbalmente in continuazione dovendo scrivere centinaia di pagine di lettere di scuse e di ringraziamento al vostro capo che vi ha dato la possibilità di “redimervi”…tutto questo per un ritardo di 10 secondi. Un’altra volta si dimostra una cosa: prima di avere il quadro completo della situazione è meglio non azzardare sentenze di diritto e lezioni di giurisprudenza. Altra cosa: fino a non tantissimo tempo fa il delitto d’onore aveva ancora spazio nel nostro sistema giudiziario. Secondo voi andava bene? Il fatto che dopo l’incidente sia stata introdotta una nuova normativa in merito vi è indifferente?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...