Aggiornamenti flash – TEPCO edition

Il prossimo articolo della serie sui risarcimenti di Fukushima è in preparazione, ma oggi bisogna dare un paio di aggiornamenti veloci su TEPCO.

Il governo giapponese, tramite il Ministro dell’economia, commercio e industria Yukio Edano, ha approvato il trasferimento a TEPCO di circa 900 miliardi di yen (8,3 miliardi di euro al cambio odierno). Si tratta della somma che, in un business plan (…) presentato al governo il 28 ottobre e qui illustrato dalla stessa TEPCO nei suoi punti fondamentali, la società aveva indicato come necessaria al fine di poter pagare i (primi) risarcimenti alle vittime dell’incidente nucleare secondo quanto indicato dalle linee guida.
La cifra che TEPCO dovrà sborsare si aggira infatti intorno ai 1011 miliardi di yen; 120 G jpy saranno pagati dall’assicurazione obbligatoria prevista dalla Legge sul risarcimento dei danni da energia nucleare, il denaro pubblico copre gli 880 miliardi mancanti.

Le perdite della società per il semestre aprile-settembre 2011 ammontano a 627 G jpy. Nonostante il denaro pubblico ricevuto, e alcune misure rivolte a tagliare posti di lavoro, stipendi, pensioni, e a razionalizzare le uscite, TEPCO prevede un passivo di 576 G jpy per l’anno fiscale in corso, che terminerà il 31 marzo 2012.

Si stima che i costi complessivi legati ai risarcimenti per l’incidente di Fukushima possano salire fino a 4.500 miliardi di yen (42 G eur) entro il 2013 e richiedere pertanto un ulteriore, pesante, intervento pubblico. Qui l’Economist porta 3 motivi per cui TEPCO dovrebbe essere nazionalizzata: per responsabilizzare la società sotto il piano finanziario, per evitare che il piano di tagli comprometta la sicurezza e per dimostrare che il governo non concederà più favori all’industria del nucleare.

Nel frattempo, 30 azionisti hanno presentato richiesta ai sindaci di TEPCO di agire in giudizio perché sia accertata la responsabilità dei 60 amministratori che si sono succeduti ai vertici della società negli ultimi 20 anni, e siano tenuti a restituire i 1100 miliardi di yen necessari per (questi primi) risarcimenti.
Nel caso i sindaci non agiscano entro 60 giorni, gli azionisti potranno presentare domanda al Tribunale di Tokyo. Le disposizioni di legge che permettono la presentazione di quest’azione sono contenute negli artt. 847 e ss. della Legge sulle società.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Danni e risarcimenti, Diritto societario e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...