Accordo raggiunto sul contagio di massa da epatite B

Venerdì 24 giugno è stato raggiunto un accordo presso il Tribunale di Sapporo, Pres. Shun’ichi Ishibashi ( 石橋 俊一 ), per porre fine alla vicenda giudiziaria tra gli individui contagiati dal virus dell’epatite B a causa dell’uso ripetuto degli stessi aghi per vaccinazioni collettive, e lo Stato giapponese.

Martedì 28 giugno il Ministro della Sanità/Lavoro/Welfare Ritsuo Hosokawa ha firmato l’accordo sul risarcimento. In esso si riconosce la responsabilità dello Stato per le infezioni. In un incontro immediatamente successivo alla firma, il Primo Ministro Naoto Kan ha presentato scuse ufficiali alle vittime.

La transazione giudiziale, tecnicamente il contratto di wakai ( 和解 , cod. civ. giapp. artt. 695 e ss.), prevede che il governo ammetta la responsabilità del contagio, agisca al fine di evitare casi simili in futuro, e paghi un risarcimento fino a 36 milioni di yen (315.000 euro) a ciascuna vittima che abbia sviluppato i sintomi o che sia deceduta, e fino a 500.000 jpy (4.300 eur) per chi sia stato contagiato ma non abbia sviluppato i sintomi.

La vicenda era iniziata nel 1989 quando 5 persone infette avevano presentato domanda di risarcimento al Tribunale di Sapporo. Nel marzo 2000 la domanda era stata rigettata poiché a detta del Tribunale non era stato provato adeguatamente il rapporto di causalità tra le vaccinazioni ed il contagio.
La sentenza di appello dell’Alta corte di Sapporo del gennaio 2004 aveva da una parte riconosciuto la responsabilità dello Stato, dall’altra aveva dichiarato prescritto il diritto ad agire per due dei cinque attori.
La Corte Suprema nel giugno 2006 riformò questa sentenza riconoscendo a tutti gli attori del procedimento in questione il diritto al risarcimento. Lo Stato tuttavia non adottò misure nei confronti delle altre migliaia di vittime del contagio.
Così, a partire dal marzo 2008, nuove domande furono presentate al Tribunale distrettuale di Sapporo e ad altre corti dell’Arcipelago. Si stima che le parti siano state circa 700 in 10 tribunali.
Due anni dopo, nel marzo 2010 il Tribunale di Sapporo presentava alle parti una raccomandazione/proposta di transazione. È proprio sulla base di questo provvedimento che, dopo 15 mesi di trattative, è stato concluso l’accordo che mette fine per tutti alla vicenda.

Secondo stime ufficiali, gli individui contagiati sono stati circa 450.000.
La somma stanziata per i risarcimenti supera i 3.000 miliardi di yen (26 miliardi di euro), ed è la somma più alta mai pagata dal governo giapponese come risarcimento in un procedimento giudiziario.
I risarcimenti saranno pagati lungo un periodo di 30 anni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Danni e risarcimenti, Obbligazioni e contratti, Procedura civile e ADR e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Accordo raggiunto sul contagio di massa da epatite B

  1. arisio ha detto:

    In trenta anni? Dopo che ne sono passati ormai oltre venti? Va bene che l’aspettativa di vita in Giappone e’ alta……

  2. Pingback: Aggiornamenti flash | il diritto c'è, ma non si vede

  3. Pingback: I giapponesi che fanno causa | il diritto c'è, ma non si vede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...