Tutti in piedi per l’inno

È notizia di qualche giorno fa che il governatore di Osaka, Toru Hashimoto, ha deciso di presentare un’ordinanza in cui sia esplicitamente menzionato l’obbligo per i docenti di alzarsi in piedi e cantare l’inno nazionale “Kimigayo” durante le cerimonie scolastiche.

L’inno nazionale giapponese è da taluni associato al passato militarista e imperialista del Giappone, e recentemente i casi in cui i docenti si rifiutano platealmente di unirsi al canto, citando la libertà di coscienza, sono spesso riportati nella stampa nazionale e hanno creato imbarazzo e irritazione.

A marzo l’Alta Corte di Tokyo aveva dichiarato nulle le azioni disciplinari irrogate nei confronti di 170 docenti che si erano rifiutati di alzarsi in piedi verso la bandiera e di cantare l’inno nazionale.

La mossa del governatore Hashimoto alza il livello dello scontro con i professori “ribelli”. A chi chiedeva se questa non fosse una misura eccessiva o se non violasse la libertà di pensiero dei docenti, Hashimoto ha risposto: “Se a loro non piace, possono licenziarsi. È un problema di organizzazione, non di libertà di pensiero o di coscienza”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diritto costituzionale, Diritto pubblico e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tutti in piedi per l’inno

  1. Pingback: Sì, tutti in piedi per l’inno | il diritto c'è, ma non si vede

  2. Pingback: Aggiornamenti flash | il diritto c'è, ma non si vede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...