Aggiornamenti flash

  1. TEPCO non accetta le proposte di conciliazione avanzate dai suoi dipendenti e dalle loro famiglie in materia di danni conseguenti all’incidente di Fukushima-1.
    Alcuni di questi casi sono già in tribunale, molti probabilmente seguiranno.
  2. Il Parlamento giapponese ha approvato una legge che dispone un inasprimento delle pene per i minori autori di reati.
  3. Un Tribunale ha dato torto allo Stato e gli ha ordinato di pagare danni alle cooperative di pescatori, in quanto danneggiati da opere pubbliche che avevano strappato terra al mare ad uso agricolo.
  4. Altre prospettive di riforma della corporate governance in Giappone. L’articolo sembra cautamente ottimista.
  5. Un dipendente di un’università della provincia di Kanagawa ha prodotto pistole in resina con una stampante 3D, ha postato su youtube i video, ed è stato arrestato per aver violato la legge sul controllo delle armi. Due delle cinque pistole sequestrate erano in grado di sparare. Non sono state trovate munizioni.
  6. Scommesse sui cavalli, spese deducibili e tasse. Un articolo dell’Asahi fa il punto sulla situazione giuridica e sulle cause tra Ufficio delle tasse e scommettitori professionisti.
Pubblicato in Danni e risarcimenti, Diritto e procedura penale, Diritto societario | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Riforma costituzionale per reinterpretazione

Oggi 3 maggio è in Giappone la festa della Costituzione.
Il governo Abe ha posto tra le sue priorità la riforma costituzionale.
L’obiettivo finale di Abe e della sua compagine è il famoso art. 9. Esso recita:

第九条 日本国民は、正義と秩序を基調とする国際平和を誠実に希求し、国権の発動たる戦争と、武力による威嚇又は武力の行使は、国際紛争を解決する手段としては、永久にこれを放棄する。

二 前項の目的を達するため、陸海空軍その他の戦力は、これを保持しない。国の交戦権は、これを認めない。

Art. 9 – Il popolo giapponese, aspirando sinceramente alla pace tra le nazioni fondata sulla giustizia e sull’ordine, rinuncia per sempre alla guerra quale diritto sovrano dello Stato, ed alla minaccia o all’uso della forza militare quale mezzo per risolvere le controversie internazionali.

2 – Per conseguire l’obiettivo del comma precedente, non saranno mantenute forze militari terrestri, marine o aeree, o altre forze militari. Non è riconosciuto il diritto dello Stato di dichiarare guerra.

Il problema sono le procedure richieste per cambiare la Costituzione: un voto nella Dieta in Parlamento a maggioranza qualificata dei 2/3, ed un referendum popolare (art. 96 Cost). Il primo governo Abe (2007) aveva introdotto la legge necessaria per condurre l’eventuale referendum richiesto dalla costituzione.
L’attenzione del governo si era dunque indirizzata verso l’art. 96. L’obiettivo era quello di prima semplificare la procedura di riforma costituzionale, per poi presumibilmente attaccare l’art. 9.
In ogni caso, i sondaggi dicono che i giapponesi sono molto affezionati alla loro Costituzione e non vi è un consenso diffuso alla modifica. Anche se il governo potrebbe avere i numeri in Parlamento, è difficile che un referendum sulla riforma costituzionale, sia dell’articolo 96 che a maggior ragione dell’art. 9 possa passare lo scrutinio dei cittadini.

La trovata del governo Abe, di fronte alle difficoltà procedurali di cambiare una costituzione rigida come quella giapponese, è dunque quella di riformare non il testo ma l’interpretazione della Costituzione.
Geniale, no?
In particolare, l’interpretazione che il governo vuole modificare è quella relativa al diritto di difesa collettiva, per 60 anni pacificamente non ammesso, poiché il governo ne aveva dichiarato l’incostituzionalità sulla base dell’art. 9.
Abe invece vorrebbe che tale diritto sia riconosciuto come costituzionale. Secondo Abe sarebbe dunque sufficiente che il governo dica in sostanza “Beh cosa volete che siano 60 anni di interpretazione univoca,,, ci siamo sbagliati, da domani le cose cambiano“. Un’altra strategia è quella di giocare con le parole: è sufficiente che l’autodifesa collettiva (incostituzionale) prenda il nome di semplice autodifesa (costituzionale) per trasformarla magicamente in un’attività conforme alla Costituzione.

Qui un riassunto più o meno completo della questione e dei suoi sviluppi fino a marzo 2014, e qui le più recenti riflessioni di Michael Cucek, acute e pungenti come al solito.

Buona Costituzione a tutti.

Pubblicato in Diritto costituzionale | Contrassegnato , , , , , | 3 commenti

Resoconto del secondo incontro AIGDC

Sabato 19 aprile 2014 si è tenuto presso l’Università di Nagoya il secondo incontro dell’Associazione Italo-Giapponese per il diritto comparato (AIGDC). Il prof. Guido Smorto, docente della Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-sociali dell’Università degli Studi di Palermo ha presentato una relazione sulle “Nuove forme di consumo del diritto italiano”.

Si tratta del primo evento dell’Associazione Italo-giapponese per il diritto comparato/日伊比較法研究会 svoltosi interamente in lingua italiana in Giappone. La circostanza, a nostra notizia senza precedenti, dimostra la qualità e l’interesse del mondo accademico giapponese verso il diritto italiano.

Questa la scaletta dell’incontro:

1. PREMESSA
a) Il codice civile e l’unicità del soggetto di diritto
b) Dallo status al contratto

2. LA LEGISLAZIONE SPECIALE E L’ETA’ DELLA DECODIFICAZIONE
a) Il diritto del lavoro e le altre leggi speciali (locazioni di immobili urbani, contratti agrari, ecc.)
b) L’uguaglianza delle parti del contratto nel codice civile

3. L’UNIONE EUROPEA E IL DIRITTO DEI CONSUMATORI
a) Le origini di un diritto dei consumatori
b) Gli scopi della legislazione consumeristica: tutela della parte debole o “market failures”?
c) Quali tutele per il consumatore?
d) Asimmetrie informative e potere contrattuale
e) Alcuni esempi: informazione precontrattuale (completezza e chiarezza); diritto di recesso; c.d. “information overload”; “black list” vs. “grey list” (rilevanza della trattativa)

4. LA NOZIONE DI CONSUMATORE
a) Nozione “fisica” o scopo dell’atto?
b) Il consumatore “medio”
c) La figura del consumatore nella giurisprudenza della Corte di Giustizia

5. VERSO UNA DISCIPLINA UNITARIA B2C. LA DIRETTIVA 2011/83/UE (“CONSUMER RIGHTS”).

6. IL CONSUMATORE COME FIGURA GENERALE
a) L’emersione della figura del consumatore vulnerabile
b) Il consumatore vulnerabile come figura generale
c) La giurisprudenza italiana sul consumatore vulnerabile
d) Conclusioni

7. VERSO UN NUOVO DIRITTO DEI CONSUMATORI. IL “CONSUMER EMPOWERMENT”
a) La legislazione alla prova della realtà (Eurobarometro)
b) “La fiducia dei consumatori contribuisce alla prosperità dei mercati”
c) I quattro obiettivi per il 2020

8. IL CONSUMATORE NELL’ETA’ DEL “DIGITAL DIVIDE”

9. CONCLUSIONI

Segue un breve resoconto di un gruppo di studenti italiani che hanno partecipato all’incontro:

Continua a leggere

Pubblicato in Avvisi, eventi, altro..., Diritto comparato | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Secondo incontro AIGDC

Dopo l’incredibile successo di critica e pubblico riscosso dal convegno inaugurale e dal primo incontro, l’Associazione Italo-Giapponese per il Diritto Comparato (AIGDC), con il patrocinio dell’Italian School of East Asian Studies (ISEAS), organizza il suo secondo incontro il 19 aprile 2014.
Il prof. Guido Smorto dell’Università di Palermo terrà una lezione in tema di diritto dei consumatori, seguirà discussione.
Ecco il programma:

Data e ora: 19 aprile 2014, dalle 15:30 alle 17.
Luogo: Università di Nagoya, Higashiyama Campus, Leader Satellite.
Relatore:  Prof. Guido Smorto (Università di Palermo).
Titolo della relazione: “Nuove forme di consumo nel diritto italiano. Note comparatistiche” (in italiano).

L’incontro è aperto a tutti. Segue cena sociale.
Per maggiori informazioni, contattare il titolare.

ƒvƒŠƒ“ƒg

Pubblicato in Avvisi, eventi, altro... | Lascia un commento

Intervista a China Files

Nel terzo anniversario del disastro che ha colpito il Tohoku, il titolare è stato intervistato da Marco Zappa di Chinafiles.

Qui il pezzo.
Si parla molto di Fukushima e del disastro nucleare, che forse è l’aspetto che ha più risvolti problematici per il giurista.
Non dimentichiamo però che, oltre a Fukushima c’è stato il doppio disastro naturale, con quasi 20.000 morti e una ricostruzione che pare ancora lungi dall’essere terminata.

Pubblicato in Fukushima | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Aggiornamenti flash

  1. Ceneri e fanghi radioattivi che non trovano una sistemazione definitiva, nessuno li vuole vicino a casa propria, giapponesi che fanno causa per mandarli da qualche altra parte.
  2. Dopo la firma della Convenzione dell’Aia sulla sottrazione internazionale di minori, ufficiali giudiziari studiano il problema e simulano la consegna di bambini oggetto di procedimenti di famiglia.
  3. Viaggiavano per il Giappone con un proiettore nel bagagliaio, e organizzavano proiezioni del famoso cartone animato Anpanman. Senza essere però in alcun rapporto con la società che possiede i diritti. Padre (73 anni) e figlio (43) sono stati arrestati. Interessante il dettaglio su cosa ha portato al loro arresto: qualcuno li aveva visti distribuire volantini, si è insospettito e ha avvertito la polizia.
Pubblicato in Fukushima, Persone e famiglia, Proprietà intellettuale | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

I giapponesi che fanno causa (XXV)

55. Siete circondati

Una coppia ha citato in giudizio il governo giapponese perché la loro casa, nei pressi di Yokohama, è circondata da basi militari americane e l’unica via di accesso è attraverso un posto di blocco USA. L’articolo descrive diversi inconvenienti che derivano da questa situazione: non possono arrivare servizi, ambulanze, etc…
La coppia ha chiesto un risarcimento di ¥115M, circa €820.000 al cambio -piuttosto volatile- attuale.

56. Il Giappone che fa causa

Nel 2010 un peschereccio cinese si scontrò con una nave della guardia costiera giapponese nelle acque circostanti le isole Senkaku.
Il governo giapponese ha presentato domanda al Tribunale di Naha, Okinawa, contro il comandante del peschereccio cinese per il risarcimento dei danni arrecati alla nave.
Secondo il governo cinese invece si tratta di una provocazione, in quanto quelle acque erano e sono sotto la sovranità cinese: sarebbe quindi il Giappone a dover presentare scuse e risarcimenti.
Il video dello scontro è qui.

57. Le cause del parrucchiere

Una donna di Takamatsu ha citato in giudizio il suo parrucchiere perché ha sbagliato trattamento (デジタルパーマ “permanente digitale” ???) rendendo i suoi capelli inguardabili proprio prima del suo matrimonio, costringendola a tagliare ulteriormente i capelli, tingerli etc etc…
La richiesta è di ¥4.900.000 (€35.000), di cui 2.200.000 a titolo di danno morale, e 2.300.000 per le spese che la parte attrice dovrà sostenere in trattamenti di bellezza per i suoi capelli, nei 6 anni che prevede saranno necessari prima che la chioma ritorni allo splendore di partenza.
Il parrucchiere ammette la responsabilità, ma non è d’accordo sull’entità del danno: “Sarà chiarita nel processo”.

(puntata precedente)

Pubblicato in Danni e risarcimenti, Diritto internazionale | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento